Magistrato di carriera: g. ordinario, speciale; g. per le indagini preliminari || g. unico, magistrato monocratico che, dal 1998, è competente a giudicare cause di minore entità (sostituisce la figura del pretore, con competenze ampliate) | g. popolare, cittadino estratto a sorte per entrare a far parte della Corte d'assise accanto ai g. togati, membri della stessa corte appartenenti all'ordine giudiziario | g. di pace, magistrato onorario che giudica su questioni di modesta entità, 3 dir. Si parla di principio dispositivo in senso sostanziale con riferimento alla disponibilità dell’oggetto del processo. civ.). È un soggetto processuale che, all’interno della ... giùdice (letter. - Per giudice, in senso stretto, s'intende una persona o un insieme di persone chiamate a definire un processo mediante una decisione avente forza giuridica. Ma la stessa parola è stata ed è usata anche con significati più larghi e imprecisi. Richter; ingl. I giudici, nel senso di organi giudicanti, vengono classificati secondo varî criterî: a) secondo l'indole della materia a cui si riferiscono i processi la cui decisione è a essi attribuita: giudici civili, penali, amministrativi, corporativi, ecclesiastici, ecc. Una figura affascinante quella del giudice, ma sicuramente un percorso assolutamente non facile, che inizia con una formazione specifica e un concorso per titoli. juge; sp. Nel diritto romano, si intendeva per iurisdictio l’insieme delle facoltà spettanti al magistrato cui era attribuita l’amministrazione della ... Istituto della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani S.p.A. © Tutti i diritti riservati. Organo dello Stato che impersona la funzione giurisdizionale di applicazione delle norme giuridiche ai casi concreti attraverso un provvedimento singolare e concreto. iudex; fr. | membro della magistratura che si distingue dal pubblico ministero perché, in un processo, emette le sentenze | , nella storia ebraica, nome di capi p … Riceverai direttamente via mail la selezione delle notizie più importanti scelte dalle nostre redazioni. «colui che dice il diritto», comp. - 28/12/2020 È responsabile il datore di lavoro quando il dipendente è vittima di mobbing da parte dei colleghi - … - Per giudice, in senso stretto, s'intende una persona o un insieme di persone chiamate a definire un processo mediante una decisione avente forza giuridica. E affinché il concetto di giudice, intesa questa parola nel suo preciso e ristretto significato giuridico, rimanga esattamente determinato, bisogna distinguere fra "giudice" e "organo giurisdizionale" o "tribunale" (nel senso generico di organo giurisdizionale), che talora con lo stesso termine di "giudice" viene indicato. giudice giù | di | ce s.m. ant. nella loc. – 1. a. Nel sign. Cenni storici Nel caso di organo giudicante composto di più persone, può avvenire che una o più di queste debbano giudicare soltanto circa i fatti della causa (questione di fatto) e le altre debbano decidere sull'applicazione della legge ai fatti (questione di diritto); quando ciò avviene, si distingue un giudice del fatto e un giudice del diritto, formanti insieme un unico organo decidente che emette una decisione unica. che dalle panche d'una cattedrale porta alla sacrestia quindi alla cattedra d'un tribunale, giudice finalmente, arbitro in terra del bene e del male. Perciò il fatto che il giudice impieghi molto tempo per sciogliere una riserva non significa che abbia difficoltà nel decidere o che abbia preso una decisione a favore dell’una o … “colui che dice il diritto”, comp. Altra distinzione che va rilevata è quella tra "giudice" e "magistrato", poiché per magistrato s'intende una persona rivestita di un'elevata funzione pubblica, che può essere non solo giudiziaria, ma anche amministrativa; ogni giudice è quindi magistrato, ma vi sono anche magistrati che non sono giudici. Il cantautore riprende la vicenda di quest’uomo, che lui chiama nano , che diventa magistrato per sfogare tutto il rancore accumulato nel corso degli anni a … Il primo prerequisito richiesto, è quello di essere un Cittadino Italiano. chi è chiamato a giudicare, chi giudica. Vi sono una serie di condizioni che possono risultare stringenti. iùdice) s. m. [lat. 1: 0 0. giudice. Quest' ultimo organo minore, cui è attribuita quell'attività decidente che costituisce la ragione dell'esistenza dell'intero organo giurisdizionale, è quello che si dice, in senso stretto e preciso, il "giudice"; esso può essere formato da una sola persona fisica (giudice singolo o unico) e allora cumula le due funzioni di direzione e di decisione; oppure può essere formato da più persone fisiche (giudice collegiale) e allora in esso si distingue, caratterizzato da suoi particolari poteri, un capo (presidente) a cui appartiene la funzione di direzione, mentre al collegio, compreso il suo capo, appartiene la funzione di decisione. 1. ; c) uno, infine, è destinato a svolgere prevalentemente le attività necessarie per la direzione (funzione di direzione) e per la decisione dei processi (funzione di decisione). Proprio come un giudice. Enciclopedia Italiana (1933), Con il termine giudice si indica, dal punto di vista giuridico, l'organo al quale è demandato il compito di pronunciare una decisione all'esito di un processo e in applicazione nelle norme generali ed astratte al caso concreto. Puoi anche aggiungere una definizione per giudice . proc. judge). judge ). : La Chiesa al contrario si mostrerebbe piuttosto come un giudice, che esclude dai sacramenti e da certi incarichi pubblici persone ferite. Nel linguaggio giuridico per arbitro s'intende chi è chiamato a giudicare dalla volontà delle parti interessate, derivando da questa volontà, anziché dall'attribuzione di una pubblica funzione, il potere di decidere. Ma la stessa parola è stata ed è usata anche con significati più larghi e imprecisi. Ogni singolo organo giurisdizionale ha (meno che in periodi di civiltà affatto primitiva) una struttura complessa; è formato, cioè, da più organi minori o secondarî, ciascuno dei quali è caratterizzato dalla natura delle attività che deve svolgere in relazione con quella che devono svolgere gli altri, affinché l'organo giurisdizionale svolga la sua funzione. Trova il 8 significato della parola giudice. Le competenze del giudice di pace si estendono anche alle materie di carattere penale. Anche in questo caso l’intervento del magistrato in questione è richiesto per reati di minor significato. La ricusazione è un meccanismo attraverso il quale una delle parti coinvolte in un processo può chiedere che il giudice al quale è affidato il processovenga sostituito da un altro giudice. 6 Cedu. già il principale dizionario storico dell’Ottocento, il Tommaseo - Bellini s.v. In seguito nessun sistema processuale ha adottato la separazione dei due giudizi facendo precedere la decisione sul diritto alla decisione sul fatto. In ogni caso si fa distinzione fra giudice e arbitro: il primo suppone l'esistenza di norme a cui deve obbedire conformandovi la decisione; il secondo, invece, può non seguire la regola del diritto quando sia autorizzato dalle parti a decidere come amichevole compositore (art. Quanto alla composizione degli organi giudicanti, il legislatore preferisce il sistema del giudice unico per i tribunali inferiori (conciliatore, pretore), mentre preferisce il sistema del giudice collegiale per i tribunali di grado elevato sia per l'importanza della competenza sia per l'attribuzione di giurisdizioni di secondo grado o cassazione (tribunale, corte d'appello, cassazione). s.le m. Magistrato di giovane età, all’inizio della carriera, particolarmente impegnato nel proprio lavoro. E allora la mia statura non dispensò più buonumore a chi alla sbarra in piedi mi diceva Vostro Onore, e di affidarli al boia fu un piacere del tutto mio, prima di genuflettermi nell'ora … [giù-di-ce] s.m. juez; ted. e f. av. Non infrequentemente, invece, nei tempi passati e negli attuali, si sono avuti e si hanno sistemi processuali con organi giudicanti formati da giudici del fatto e da giudici del diritto, i quali ultimi hanno il compito di emettere la decisione applicando il diritto ai fatti accertati dai primi; tali gli organi giudiziarî funzionanti con giurati. Sì. che dalle panche d'una cattedrale porta alla sacrestia quindi alla cattedra d'un tribunale giudice finalmente, arbitro in terra del bene e del male. Una delle tre forme di azione (➔) civile di cognizione. includes2013/SSI/notification/global.json, /includes2013/SSI/utility/ajax_ssi_loader.shtml, Copyright 2020 © RCS Mediagroup S.p.a. Tutti i diritti sono riservati |, News e ultime notizie oggi da Italia e Mondo, Per la pubblicità: RCS MediaGroup S.p.A. Direzione Pubblicità. Sono questioni delicate e gravi quelle che concernono la preferibilità di giudici unici o collegiali, togati o popolari, stabili o ambulanti, impiegati stipendiati dallo stato o onorarî o retribuiti dalle parti mediante sportulae, e altre simili. 102, 1° co.), ha sede in ogni capoluogo determinato dalle tabelle ministeriali. e f. 1 Chi giudica: essere g. di se stesso; il tempo è sempre il miglior g.; chi, per autorità o per competenza, ha … 1294; lat. Bibl. Il giudice popolare affianca il giudice e offre la sua conoscenza per le decisioni di merito. des antiquités grecques et romaines; A. Steinwenter, s.v. secondo una recente sentenza (3), In tema di ricusazione del giudice, la “inimicizia” del ricusato, ai sensi dell’art. : Yes, just like a judge. Una volta scoperto cosa occorre per diventarne uno, spieghiamo nel dettaglio cosa fa un giudice popolare. Può anche avvenire che il giudice del fatto e il giudice del diritto costituiscano due organi separati ed emettano decisioni separate ma tra loro coordinate. Con il sistema processuale della extraordinaria cognitio le attribuzioni di giudicare sul fatto e sul diritto vennero riunite in un unico organo giudicante. E' il vostro super-io che vi assolve o vi condanna. L’origine della frase “Ci sarà pure un giudice a Berlino” non è ancora chiara. che vi avvicina solo. d'una ragazza irriverente. g. di gara; nel calcio e in altri sport, arbitro || g. d'arrivo, nelle corse, chi controlla la posizione degli atleti all'arrivo | g. di linea, nel tennis e nella pallavolo, chi osserva il punto dove cade la palla, 5 Nella Sardegna medievale, chi governava un giudicato. iudex; fr. Cosa vuol dire avere. iūdĭce(m) propr. Significato del sogno Giudice,sentenza. Traduzioni in contesto per "un giudice di" in italiano-inglese da Reverso Context: di un giudice, un giudice di pace Richter; ingl. di ius «diritto» e tema di dicĕre «dire»]. ◆ si punta a un congruo allargamento dei posti di aggiunto, in modo da avere una squadra composta da... La pena inflitta o l’obbligo imposto Questi organi secondarî, se si considerano dal punto di vista della natura dell'attività che sono destinati a compiere e da cui ricevono la fisionomia loro propria, sono sempre eguali in ogni organo giudiziario, benché possa variare il loro nome, la loro costituzione e anche la forma della loro attività, e cioè: a) uno è destinato a compiere gli atti prevalentemente materiali (funzione di esecuzione) e viene chiamato usciere, messo, ufficiale giudiziario, ecc. : They say that the Church, on the other hand, presents herself like a judge like a judge La celebre vicenda storica documentata dalla giurisprudenza tedesca del Settecento. e f., chi emette giudizi o pareri su persone o cose: farsi giudice, erigersi a giudice, essere buon, cattivo giudice, giudicare bene, male | chi ha l’autorità, l’ufficio, la competenza di emettere giudizi: il giudice … Il giudice di pace, infatti, è chiamato in causa anche per le materie presenti all’art. in rappresentanza del collegio di cui fa parte; il giudice estensore, che ha l'incarico di redigere la sentenza deliberata dal collegio, ecc. Quando gli organi giudicanti sono formati da più persone, può darsi che alcune di queste assumano funzioni speciali: in considerazione di queste i giudici vengono diversamente qualificati, e abbiamo così il giudice relatore, che ha l'incarico di riferire al collegio sul processo da decidere; il giudice delegato, che ha l'incarico di compiere alcuni atti (mezzi istruttorî, liquidazioni di spesa, ecc.) Talora sono chiamati arbitri dei veri giudici istituiti dallo stato con funzioni di natura giurisdizionale; in questi casi la parola "arbitro" assume un significato improprio; ma è da rilevare che il legislatore qualifica gli organi giurisdizionali come arbitri solo quando attribuisce loro, in modo eccezionalmente esteso, il potere di far uso dell'equità. Trova espressione, da un lato, nell’art. il giudice è tutore, curatore, amministratore di sostegno, procuratore, agente o datore di lavoro di una delle parti; il giudice è amministratore o membro del consiglio di amministrazione di un ente, di un’associazione anche non riconosciuta, di un comitato, di una società o stabilimento che ha interesse nella causa; le parrucche, invece, sono un antico simbolo britannico, indossate sia dal giudice che dall'accusatore, e dal difensore, simboleggiano la parità delle parti in udienza, e "camuffando" un po' i soggetti, rappresentano l'impersonalità della … juez; ted. per un suo dubbio impertinente: iÅ«dex -dÄ­cis, propr. La legge non dà al giudice un termine per sciogliere le riserve. Un matto (dietro ogni scemo c'è un villaggio)/Un giudice è un 45 giri del cantante italiano Fabrizio De André, pubblicato nel 1971 da Editori Associati come unico singolo estratto dall'album Non al denaro non all'amore né al cielo.. Inizialmente la canzone Un giudice aveva un sottotitolo: "Dietro ogni giudice c'è un nano". un metro e mezzo di statura, ve lo rivelan gli occhi. GIUDICE (dal Iat. Un giudice Fabrizio De André in concerto - Arrangiamenti PFM è un album live di Fabrizio De André pubblicato nel 1979. Esso è diretto dal presidente del tribunale, nominato di concerto tra il Consiglio ... L’attività dello Stato diretta all’attuazione della norma giuridica nel caso concreto, e l’insieme degli organi cui è demandata tale funzione. Giudice, Arbitro - L'arbitro è un giudice scelto di comune consenso dalle parti interessate per definire e decidere perentoriamente una quistione. Così avveniva secondo il sistema processuale romano delle formulae, secondo il quale la questione di diritto veniva risoluta in iure dal magistrato (praetor), la questione di fatto, veniva decisa poi in iudicio da un altro organo giudiziario (iudex, arbiter) che condannava o assolveva secondo che riteneva veri o no i fatti cui era stata subordinata l'attuazione pratica della decisione del magistrato. L'ex coniuge che intraprende una convivenza more uxorio stabile non ha diritto all'assegno di divorzio - 29/12/2020; Contestazione del verbale di assemblea: è necessaria la querela di falso? L'espressione "organo giurisdizionale" o "giudiziario" viene usata in due sensi, o per indicare il vasto e vario insieme di organi mediante i quali lo stato esercita il potere giudiziario, o per indicare singolarmente alcuno degli organi facenti parte di questo insieme. juge; sp. L’affermazione ripetuta, ad opera della Corte costituzionale, del criterio di interpretazione conforme alla Cedu, nel consolidato significato ad essa assegnato dalla Corte di Strasburgo, comporta un necessario ripensamento dei «casi in cui è fatto obbligo al giudice … E allora la mia statura non dispensò più buonumore a chi alla sbarra in piedi mi diceva "Vostro Onore", e di affidarli al boia fu un piacere del tutto mio, prima di genuflettermi … Lécrivain, s.v. Il giudice è preposto dal sovrano per decidere secondo le leggi i casi civili, criminali, o commerciali di sua competenza: l'arbitro giudica e decide secondo la propria … : Ch. GIUDICE (dal Iat. Iudex, in Pauly-Wissowa, Real-Encycl. e le battute della gente, o la curiosità. Fabrizio De André sceglie questa poesia come testo di partenza per il terzo brano dell’album Non al denaro non all’amore né al cielo, che viene intitolato Un giudice. Diritto processuale civile Iudex, in Daremberg e Saglio, Dict. Nel '70, un barone von Gersdorf volle farsi, più in su del mulino, una peschiera, e deviò parte dell'acqua; il mugnaio, impedito così dal macinare per una gran parte dell'anno, non ebbe più modo di pagare il fitto regolarmente; il conte di Schmettau, dopo aver pazientato parecchio, da ultimo lo citò dinanzi al giudice feudale, … FO 1. s.m. : G. Rotondi, s. v. Giudice delegato, in V. Scialoja, P. Bonfante, R. De Ruggiero, Dizionario di diritto privato, Milano 1923; L. Rossi, La funzione del giudice nel sistema della tutela giuridica, Roma 1924. di Lanciotto Rossi - Scrivi alla nostra redazione giuridica. Nell'attuale legislazione italiana, come in quasi tutte le legislazioni contemporanee di paesi civili, i giudici togati prevalgono fortemente sui giudici popolari. ; b) secondo l'indole e l'ampiezza della giurisdizione: giudici ordinarî e speciali, e tra i giudici speciali si qualificano privilegiati quelli per cui la natura speciale della giurisdizione dipende, anziché dalla materia, dalla qualità delle parti nei processi; c) secondo che spetta, o no, la funzione di giurisdizione necessaria per giudicare un dato processo, si distingue tra giudice competente e incompetente; d) secondo la sede in cui viene esercitato l'ufficio, si distinguono giudici stabili (se agiscono sempre nella stessa sede) e ambulanti (se agiscono in sedi diverse dove si recano periodicamente o quando occorra); e) secondo la gerarchia, si distinguono fra giudici inferiori e giudici superiori, e secondo il grado di giurisdizione si distinguono giudici di primo grado, di secondo grado o d'appello, di terzo grado (tribunali di terza istanza o, se la terza istanza è limitata alla questione di diritto, cassazione). Pubblicato il: 19/10/2017 L'espressione "Ci sarà pure un giudice a Berlino" oppure "Esiste, dunque, un giudice a Berlino" è stata mutuata da un'opera di Bertold Brecht nella quale si narra la storia di un mugnaio che lotta tenacemente contro l' imperatore per … Cosa vuol dire giudice? Basta andare su Wikipedia e leggerete: “Un giudice” è tratta dalla storia di Selah Lively, un uomo da sempre deriso a causa della bassa statura (nella poesia originale, 5 piedi e 2 pollici, cioè 157,48 cm, un metro e mezzo nella canzone) il quale, studiando giurisprudenza nelle notti insonni vegliate al lume del rancore, diventa … 4 del D.Lgs 274/2000. "Giudice" nelle notizie giuridiche. Inoltre i giudici, più particolarmente nel senso di persone fisiche formanti organi giudicanti, si classificano: a) secondo i limiti del tempo per cui è attribuito l'ufficio, in giudici permanenti e giudici temporanei; b) secondo la cultura presupposta dalla nomina, in giudici togati (se la nomina avviene in considerazione o anche in considerazione della cultura giuridica) e giudici popolari; c) secondo la professione, in giudici di carriera (appartenenti alla carriera giudiziaria) e onorarî; d) secondo il sistema di nomina, in giudici impiegati (funzionarî nominati e stipendiati dallo stato), elettivi, sorteggiati. Studio, passione, pazienza e perseveranza sono gli elementi imprescindibili per un buon posizionamento in graduatoria. Hai un dubbio o un problema su questo argomento? Come è nata e come si è diffusa la frase “Ci sarà pure un giudice a Berlino” è «una faccenda complessa», come ammette anche Umberto Eco, uno dei più grandi semiologi italiani.Provando a digitare la frase in un qualsiasi motore di ricerca della … Il diritto ad un giudice terzo e imparziale nell'interpretazione conforme al significato consolidato dell'art. Un Giudice, testo. Quale è il significato della frase: “ci sarà pure un giudice a Berlino!” ed ecco il racconto….. Il mugnaio di Potsdam. Questo sostantivo ha avuto principalmente il significato scherzoso di ‘donna chiamata a giudicare o che ha funzione di giudice; moglie di un giudice’ (marca d’uso e definizione del Vocabolario Treccani on line; ma cfr. più ampio, chi giudica in atto, o ha l’ufficio, l’autorità, la competenza di emettere giudizî,... giudice-ragazzino (giudice ragazzino), loc. Vi è però una via di uscita per l’ipotesi in cui, occasionalmente, i giudici si “ribellino” all’indicazione ermeneutica della Corte, insistendo nel ritenere che alla disposizione non possa darsi significato diverso da quello che la Corte ha scartato. Chi controlla il corretto svolgimento di una gara e il comportamento degli atleti, spec. 1. 20 cod. Istanza è un termine che può assumere molteplici significati, a seconda di quale sia l'ambito nel quale è utilizzato. Essa è finalizzata a ottenere dal giudice non solo l’accertamento dell’esistenza del diritto soggettivo che l’attore afferma essere stato violato, ma anche l’accertamento dell’inadempimento ... Principio nel passato espresso dalla regola generale iudex iuxta alligata et provata iudicare debet e del quale oggi si assumono due diverse nozioni. giudice. Il personale giudicante degli organi della giurisdizione ordinaria italiana è costituito da impiegati stipendiati dallo stato (così il personale giudicante delle preture, dei tribunali e delle corti d'appello e di cassazione), meno il personale degli uffici di conciliazione che è formato da giudici popolari non retribuiti con stipendî. Traduzioni in contesto per "un giudice" in italiano-inglese da Reverso Context: ad un giudice, un giudice federale, un giudice della corte, davanti a un giudice, un altro giudice ; b) uno è destinato prevalentemente a provvedere alla conservazione, all'ordine e alla documentazione di tutto ciò che si riferisce ai processi e in genere all'attività dell'organo giurisdizionale (funzione di documentazione o certificativa) e viene chiamato cancelliere, segretario, ecc. di ius “ 1 diritto” e del tema di dicĕre “dire”. Vi sono pure sistemi processuali che regolano la revisione delle sentenze impugnate anche con l'istituzione d'organi competenti solo nei limiti della questione di diritto; tale la corte di cassazione. Questo dipende di solito dal carico di lavoro o dalla complessità della questione. … Un giudice - De Andrè Struttura La poesia è composta da 4 decime italiane. Occorre sottolineare c. Autorità che ha la competenza di emettere giudizi su questioni particolari. E’ proprio così, essere Giudice popolare chiede una serie di caratteristiche ben percise. Anche negli organi di giurisdizioni speciali i giudici togati e impiegati prevalgono sui giudici popolari e onorarî, pur essendo questi ultimi chiamati a far parte di non pochi di tali organi. Queste condizioni rendono la candidabilità molto più restrittiva. Nella seconda accezione il giudice si distingue, a seconda che svolga o meno la sua attività a titolo professionale, in professionale (o togato) e onorario (o laico).In Italia sono giudici onorari, ad esempio, i giudici popolari della Corte d'assise, i giudici di pace e i giudici onorari di tribunale (GOT); in altri paesi, specie di common law, lo sono i giurati, ossia i componenti di un … Organo giudiziario dello Stato: g. di primo grado, collegiale, 4 sport. diritto ... Il tribunale ordinario, al quale insieme agli altri giudici ordinari è attribuito dalla Costituzione l’esercizio della giurisdizione (art. 1 Chi giudica: essere g. di se stesso; il tempo è sempre il miglior g.; chi, per autorità o per competenza, ha il compito di emettere un giudizio: i g. della giuria, 2 dir.