del 4 giugno 2020, n. 3548. decenni ha spostato l’attenzione dall’atto alla funzione amministrativa, e quindi al procedimento ed al provvedimento che ne costituiscono rispettivamente, la forma giuridica. Sulla nozione di atto amministrativo non vi è una unanimità di vedute atteso che manca una sua definizione legislativa. La ‘decisione amministrativa’ così intesa, cioè, si riferisce ad un tipo di atto amministrativo. Il controllo di gestione introduce il superamento dell'idea dell'"amministrazione per atti" e della conformità formale alla norma come unico criterio guida dell'azione della PA, si pone al servizio del cittadino, un'organizzazione e modi di lavorare non più statici in vista del miglioramento continuo degli obiettivi di efficienza ed efficacia. L'attività giuridica può estrinsecarsi in provvedimenti, attraverso i quali vengono esercitati poteri autoritativi, ossia pubbliche potestà (attività iure imperii), oppure in atti di diritto privato (atti di gestione), tra cui i contratti, adottati in virtù dell'autonomia privata di cui i soggetti della pubblica amministrazione dispongono come tutti i soggetti giuridici (attività iure gestionis). L’impatto, delle liberalizzazioni sullo statuto penale della pubbli-. Questo materiale didattico è per uso personale dello studente ed è coperto da copyright. Course Hero is not sponsored or endorsed by any college or university. Accanto a essa, denominata amministrativa in senso stretto, è necessario ricordare quella cosiddetta di alta amministrazione che è costituita dall'emanazione di particolari atti che fungono da raccordo fra la funzione politica e quella amministrativa. Atto posto in essere da un' autorit à amministrativa, nell' esercizio di una funzione amministrativa. Il concetto di attività amministrativa “in senso stretto” si riferisce, dunque, all’attività di amministrazione espletata da una pubblica amministrazione in regime di diritto amministrativo, quale complesso di regole disposte per la sua organizzazione e per lo svolgimento dei relativi compiti istituzionali. Fonti secondarie in generale A. Fonti secondarie e atti amministrativi. In diritto il termine amministrazione pubblica (o pubblica amministrazione) ha un duplice significato: in senso oggettivo è una funzione pubblica (funzione amministrativa), consistente nell'attività volta alla cura degli interessi della collettività (interessi pubblici), predeterminati in sede di indirizzo politico; in senso soggettivo è l'insieme dei soggetti che esercitano tale funzione. Se l'attività amministrativa è tipicamente discrezionale, non mancano tuttavia casi di attività amministrativa vincolata, laddove il legislatore ha ritenuto di dover effettuare una volta per tutte la ponderazione degli interessi in gioco, stabilendo in modo puntuale ed esaustivo i contenuti dell'attività che deve essere posta in essere dall'organo amministrativo. * Articolo sottoposto a referaggio. - Nel quadro generale degli atti e delle attività del Governo si colloca/collocano nella funzione amministrativa in senso stretto: Scioglimento dei Consigli comunali e provinciali, e rimozione dei sindaci, sostituiti da Commissari straordinari Peraltro, anche dal punto di vista giuridico, la distinzione ha rilievo solo in quegli ordinamenti, di, Nel settore agricolo ciò ha portato da un lato alla revisione degli obblighi di comunicazione riconducibili alla, camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Pubblica_amministrazione&oldid=118527203, Template Webarchive - collegamenti all'Internet Archive, Voci con template Collegamenti esterni e doppioni disattivati, Voci non biografiche con codici di controllo di autorità, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo, «Riformare la pubblica amministrazione. Gli enti che ne fanno parte sono quelli di cui all'art. Quanto alla nozione di Pubblica Amministrazione rilevante ai fini della tutela penale, essa ricomprende tutte le pubbliche funzioni imputabili allo Stato o ad altro ente pubblico (legislativa, giudiziaria, …), non solo la funzione amministrativa in senso stretto. : «Agli effetti della legge penale, sono, pubblici ufficiali:gli impiegati dello Stato o di altro, ente pubblico che esercitano, permanentemente o, temporaneamente, una pubblica funzione, legisla-, tiva, amministrativa o giudiziaria/ogni altra perso-, na che esercita, permanentemente o temporanea-, mente, gratuitamente o con retribuzione, volonta-. Italia, Gran Bretagna, Spagna, Stati Uniti», Torino, Edizioni della. Le potestà pubbliche di cui dispongono gli organi amministrativi sono oggetto di norme speciali, per lo più ricondotte al diritto costituzionale (per esempio, l'espropriazione per pubblica utilità è ricondotta alla disciplina costituzionale del diritto di proprietà), e, al di fuori di quanto in esse previsto, trova applicazione il diritto comune. [senza fonte]. – sotto il profilo oggettivo, perché (a) la predetta autorizzazione non può neppure configurarsi come esercizio di attività amministrativa in senso stretto atteso che in materia tributaria anche l\’attività di verifica, in quanto finalizzata all\’accertamento dell\’esatto adempimento dell\’obbligazione tributaria, risulta … Per una più agevole comprensione del testo. II del capo I, all’art. È la valutazione in senso stretto. ll concetto di Ut pictura poesis, introdotto per la prima volta dal poeta latino Quinto Orazio Flacco, mette in luce lo stretto legame che unifica la pittura e la poesia. Come si scrive la funzione SE. La funzione amministrativa. che, privi di poteri pubblicistici (ma operanti, ad es., su base di “delega” in senso lato, in particolare in virtù d’una concessione), svolgono nondimeno prestazioni di inte-, Intendiamoci:l’opzione per la concezione “oggettiva”è apprezzabile tutt’oggi,nella, prospettiva di un sistema di tutela penale della p.a.“costituzionalmente orientato”.Gli, artt. bis, 357358 c.p.). Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta l'8 feb 2021 alle 18:22. amministrativa intesa in senso stretto. Nell'ambito della funzione amministrativa si vuole distinguere la funzione pubblica in senso stretto, comprendente le attività amministrative connotate dall'esercizio di poteri autoritativi, dai servizi pubblici, ossia quelle attività, non connotate dall'esercizio di pubbliche potestà, volte all'erogazione di prestazioni d'interesse pubblico. 357 e 358 c.p. Proprio le sanzioni non pecuniarie (abbiano le stesse natura principale o accessoria alle sanzioni pecuniarie) hanno ottenuto una marginale considerazione nell’economia dell’art. 357 c.p.). Negli ordinamenti di common law gli enti territoriali locali (contee ecc.) Dall'altro lato, in ordine all'adempimento delle politiche comuni lascia impregiudicato l'apparato soggettivo investito della funzione di sovrintendere a tali politiche[6]. E', dunque, una funzione di raccordo tra politica ed amministrazione, posta in essere da organi costituzionali di governo, ma non nell’esercizio della funzione politica in senso stretto e, quindi, ad un livello inferiore rispetto all’attività sul piano della “direzione della cosa pubblica”. Le autorità amministrative indipendenti hanno tre funzioni: ⁃ FUNZIONE AMMINISTRATIVA IN SENSO STRETTO: simili alle amministrazioni tradizionali (es: sono tenute a rispettare le norme sul procedimento amministrativo, così come una qualsiasi amministrazione tradizionale), esercitano attività amministrativa, adottano provvedimenti amministrativi. nell’esercizio di potestà amministrativa e volto alla realizzazione di un interesse pubblico. 28), non possono non trovare applicazione ad ogni sanzione amministrativa in senso stretto, ancorché non pecuniaria. Per i riferimenti relativi alla parte che segue v. Servizi pubblici e diritto penale. La funzione amministrativa si differenzia, invece, dalla funzione giurisdizionale per la particolare posizione di terzietà del giudice che caratterizza quest'ultima. punitiva -in particolare per le sanzioni amministrative in senso stretto- e quella riparatoria -in particolare per le misure di ripristino-. Vi sono, infine, casi in cui l'attività amministrativa è esercitata in proprio da soggetti privati, persone fisiche o giuridiche, estranee alla pubblica amministrazione; si parla allora di esercizio privato di funzioni pubbliche o di servizi pubblici. L'ordinamento può anche consentire all'organo amministrativo di utilizzare atti consensuali e non autoritativi, quali le convenzioni, in luogo del provvedimento o, quantomeno, a integrazione del medesimo; si parla, in questi casi, di modulo consensuale dell'esercizio della funzione amministrativa: nell'ordinamento italiano un esempio è offerto dagli accordi previsti dall'art. il governo costituzionale posto al vertice del complesso di organi che costituiscono il potere esecutivo. La sanzione accessoria, in quanto si aggiunge ad altra cd. L’altro filo rosso si intravede anch’esso fra le parole del Romagnosi ove egli ascrive alla stessa funzione della «tutela pubblica» sia l’attività sanzionatoria dell’amministrazione che quella giurisdizionale. ; - il capo II concerne invece i delitti dei privati sempre ai danni della P.A. Queste due espressioni artistiche così apparentemente distanti tra loro, sono in realtà due entità complementari. Il secondo comma dell’art. Nei sistemi di common law l'organizzazione e il funzionamento della pubblica amministrazione, nonché i suoi rapporti con i privati, continuano a essere disciplinate dal diritto comune, ossia dallo stesso diritto che disciplina i rapporti tra i privati. Relazione al Convegno “ Έκλέγειν La dinamica della determinazione oltre i concetti tradizionali di potere e volontà” - Urbino 9/10 febbraio 2017. La funzione amministrativa è rivolta al perseguimento ed alla realizzazione dei fini e degli interessi generali stabiliti con gli a tti politici e si realizza mediante l'adozione, sia di atti d'alta amministrazione, sia di provvedimenti amministrativi in senso stretto. (In motivazione, la Corte ha precisato che la condotta del parlamentare non è neppure valutabile sotto i profili dell’imparzialità e del buon andamento, trattandosi di principi che valgono per la sola attività amministrativa in senso stretto). La funzione amministrativa è rivolta al perseguimento ed alla realizzazione dei fini e degli interessi generali stabiliti con gli atti politici e si realizza mediante l'adozione, sia di atti d'alta amministrazione, sia di provvedimenti amministrativi in senso stretto. La seconda invece colora quella attività della pubblica amministrazione , volta ad eliminare , modificare , confermare (integrando , doppiando o sostituendo ) un atto già emanato nello svolgimento della funzione di primo grado . a) correda i suoi atti normativi con la richiesta dell'indicazione dei soggetti nazionali (o, spesso, anche regionali) investiti della responsabilità del flusso informativo dal basso verso l'altro, per cui in ultima analisi è a tali soggetti che la Commissione fa capo come referenti nella rete di decisioni pubbliche che attengono le politiche comuni; Nell' ambito di questa categoria assai generica, si distinguono vari tipi di (—), tra cui ricordiamo i provvedimenti amministrativi, che sono per eccellenza atti a cd. Negli ordinamenti in cui vige la separazione dei poteri tutte le amministrazioni pubbliche, comprese le autorità amministrative indipendenti, costituiscono, unitamente al governo, uno dei tre poteri dello stato: il potere esecutivo. giudice in senso reale. atti giuridici in senso stretto sono tutti quegli atti che non incidono sulla sfera giuridica dei soggetti destinatari (sono, ad esempio, il rilascio di certificati, i pareri, le proposte). Fra le varie funzioni di amministrazione attiva in senso stretto, esercitate dal Consiglio con lo strumento della deliberazione, le più importanti possono ritenersi l'approvazione di: piani e programmi generali e settoriali di intervento economico e finanziario; Può operare in aziende di varia natura e dimensioni, sia in ambito industriale che di servizi. L'amministrazione indica, in senso stretto, una specifica attività aziendale (e la funzione aziendale che se ne occupa), consistente nella rilevazione ordinata (ed eventualmente nell'elaborazione) di informazioni, per lo più di natura economica, sui fatti della gestione aziendale, al fine di costituire la memoria dell'organizzazione. In virtù del principio di legalità, proprio dello stato di diritto, gli organi della pubblica amministrazione possono esercitare le sole potestà loro conferite dalle norme, tendenzialmente generali e astratte, poste dal potere legislativo e le devono esercitare in conformità a tali norme. riamente o per obbligo, una pubblica funzione, legislativa, amministrativa o giudiziaria»; «Agli, effetti della legge penale, sono persone incaricate, di un pubblico servizio: gli impiegati dello Stato, o, di un altro ente pubblico, i quali prestano, perma-, nentemente o temporaneamente, un pubblico ser-, vizio/ogni altra persona che presta, permanente-, mente o temporaneamente, gratuitamente o con, retribuzione, volontariamente o per obbligo, un, nute ormai di rilievo pubblicistico, ma appunto non gestite necessariamente da fun-, zionari di carriera. L’atto amministrativo, che sia o meno “provvedimento” (atto amministrativo in senso lato), presenta sempre una “realtà oggettiva e formale”, composta da elementi (essenziali, accidentali e naturali), requisiti di legittimità (la cui m… Ciascuno di tali soggetti - dicastero, organizzazione autonoma dotata o meno di personalità giuridica, sia essa di diritto pubblico o privato - in quanto gli sono affidate funzioni amministrative, può essere considerato un'amministrazione pubblica. è la decisione amministrativa in senso stretto. In tale contesto è inoltre necessario chiarire che nel gruppo 601 «Servizi di trasporto terrestre» del CPV non rientrano i servizi di ambulanza, reperibili nella classe 8514. Relazione al Convegno “ Έκλέγειν La dinamica della determinazione oltre i concetti tradizionali di potere e volontà” - Urbino 9/10 febbraio 2017. LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE La funzione esecutiva attribuita al Governo comprende due tipi di attività: l’ attività di governo in senso stretto e l’ attività amministrativa. - sono persone giuridiche disciplinate dal diritto privato. non soltanto con riferimento alla funzione amministrativa, ma anche con riferimento alla funzione legislativa e giudiziaria (artt. in senso oggettivo, una funzione pubblica (funzione amministrativa), consistente nell'attività volta alla cura degli interessi della collettività (interessi pubblici), predeterminati in sede di indirizzo politico; in senso soggettivo, l'insieme dei soggetti che esercitano tale funzione. Ciò nondimeno, l'Unione europea: e si ha . È, sì, espressione della funzione amministrativa, giacché costituisce una parte dei compiti che l’ordinamento attribuisce all’apparato della P.A., ma non può confondersi con quella di amministrazione attiva. strazione in senso stretto la funzione amministrativa si presta ad essere, strazione “in senso stretto”, la funzione amministrativa si presta ad essere intesa in, modo generico e approssimativo; appunto, come qualsiasi attività, Si manifesta, in secondo luogo, un’inclinazione dirigistica, con una particolare, disposizione a sottoporre alla mano pubblica rapporti di lavoro ed economici in gene-. La funzione amministrativa e discrezionalità, Relazioni con gli altri poteri dello stato, Anche se non mancano ed, anzi, sono andati aumentando nel tempo gli organi (variamente denominati, come ad esempio, Lo si può assimilare, più che altro, ad una disciplina speciale del, Peraltro, in alcuni ordinamenti, come quello, Dal punto di vista economico, tutte le attività della pubblica amministrazione possono essere fatte rientrare nella categoria dei servizi. è la decisione amministrativa in senso stretto. strazione “in senso stretto”, la funzione amministrativa si presta ad essere intesa in modo generico e approssimativo; appunto, come qualsiasi attività lato sensu di “rilievo collettivo”. contro la p.a. In senso soggettivo l'amministrazione pubblica è costituita, in primo luogo, dagli organi e uffici dello stato[3] che dipendono dal governo. Articolazione Anche l'atto amministrativo, come i contratti, deve avere, per essere valido, ... atti giuridici in senso stretto Funzione crescente in senso stretto. è la decisione amministrativa in senso stretto. Appunto di diritto per le scuole superiori che descrive che cosa sia la funzione amministrativa, con definizione e principi regolatori generali che la caratterizzano. This preview shows page 4 - 6 out of 19 pages. rilevanza esterna, cio è in grado di incidere anche autoritativamente sulle posizioni giuridiche dei loro destinatari. L’ attività di governo riguarda la direzione politica dello Stato e consiste nell’effettuare le scelte fondamentali relativi ai … Nella seconda metà del XIX secolo, sulla scia delle concezioni del tempo, secondo cui lo Stato non poteva che agire in modo autoritativo, il diritto amministrativo è andato espandendosi, inglobando materie prima di diritto privato, quale il rapporto di lavoro tra l'amministrazione e i suoi dipendenti (o, almeno , i funzionari); di conseguenza, i relativi rapporti sono divenuti rapporti di diritto pubblico, con la pubblica amministrazione in posizione di supremazia; .mw-parser-output .chiarimento{background:#ffeaea;color:#444444}.mw-parser-output .chiarimento-apice{color:red}secondo Max Weber le principali differenze fra uno stato moderno e l'amministrazione dei secoli precedenti sono il superamento del beneficio, del vassallaggio e dell'immunità; il concorso pubblico dovrebbe ostacolare l'assunzione di persone di fiducia o favorite dai pubblici ufficiali che lo indicono. Prima di illustrare il riparto della potestà amministrativa in senso stretto fra Stato, Regioni ed autonomie territoriali locali, però, va messo in rilievo che, nel separare la disciplina della potestà regolamentare da quella della potestà amministrativa in senso stretto, la Carta ha in un certo senso “scorporato”, sia pur non del tutto, l’attività regolamentare dalla funzione amministrativa (alla quale invece essa … Le norme che regolano l'"illecito in senso stretto": dalla espressa previsione di legge alla incompatibilità intrinseca; dalle misure pecuniarie alle sanzioni accessorie; dallo Stato alle Regioni 3.a. 1 2 - 2 0 1 2. Questa tendenza, peraltro, si era già attenuata all'inizio del XX secolo e, sul finire dello stesso secolo in molti ordinamenti si manifestava l'opposta tendenza a restringere l'area dell'agire autoritativo della pubblica amministrazione e, quindi, del diritto amministrativo, a favore dell'agire consensuale e del diritto privato; d'altra parte, lo stesso diritto amministrativo, tradizionalmente ispirato alla supremazia della pubblica amministrazione nei confronti dei privati e alla prevalenza dell'interesse pubblico sugli interessi privati, negli ultimi tempi è andato aprendosi a una maggiore considerazione di questi ultimi, per esempio garantendo ai loro portatori la partecipazione ai procedimenti amministrativi, sicché si suol dire che il diritto amministrativo attuale è basato sul binomio "autorità-libertà". Il Titolo V novellato nel 2001: in particolare la potestà amministrativa in senso stretto, il superamento del ‘parallelismo’ ed i principi di sussidia-rietà, differenziazione ed adeguatezza ..... » 113 3. 322 . Amministrazione, nell'esercizio di una potestà amministrativa. Re: Atti di alta amministrazione gli atti di alta amministrazione, caratterizzati da un'amplissima discrezionalità, sono considerati l'anello di collegamento tra indirizzo politico e attività amministrativa in senso stretto e sono soggetti alla legge e al sindacato giurisdizionale. In questi casi, così come quando agisce iure gestionis, la pubblica amministrazione si spoglia della posizione di supremazia nei confronti dei destinatari dei suoi atti, che invece connota l'attività iure imperii, ponendosi in una posizione tendenzialmente paritaria nei loro confronti, ragione per cui si parla di attività paritetica. Una funzione y=f(x) si dice crescente in senso stretto nell'intervallo I se. L'elevata pressione ed evasione fiscale italiana, gli stringenti vincoli di bilancio imposti dall'Europa alla spesa pubblica in disavanzo, hanno creato uno "stress sui costi" che ha indotto molte pubbliche amministrazioni ad adottare logiche di gestione nate e fatte proprie dalle aziende private, impiantando al proprio interno sistemi di controllo di gestione - con l'adozione dei costi standard o altra contabilità analitica interna, l'identificazione di centri di responsabilità (centri di costo, provento, risultato, investimento), l'assegnazione per centro di obiettivi chiari misurabili e condivisi, una retribuzione variabile di risultato, risorse umane e un budget finanziario[12] - in base al principio per cui chi ha l'obiettivo, ha anche reale autonomia e responsabilità sulle risorse che gli vengono assegnate per raggiungerlo. Di qui l'affermazione che nei paesi di Common law non esiste il diritto amministrativo, anche se in questi ordinamenti, sulla scia del progressivo ampliamento dell'intervento pubblico che ha caratterizzato il XX secolo, è andato strutturandosi un corpo di norme (administrative law) che presenta similitudini[2] con il diritto amministrativo dei paesi di Civil law. 97 e 98 della Carta fondamentale valorizzano la pubblica amministrazione come, attività, da svolgersi appunto secondo parametri di imparzialità, buon andamento e, interesse pubblico.