Vai alla recensione », Quante volte nella vita abbiamo desiderato che ci raccontassero una storia? Un sovrano organizza un torneo per dare in sposa la figlia contando sul fatto che nessuno dei pretendenti supererà la prova da lui ideata, così la figlia non lascerà il suo fianco e i confini angusti del loro castello. Alla [...] Perché parrliamo di re, regine, principi e principesse, draghi e orchi, nella migliore tradizione dei nostri incanti fanciulleschi. Perché la materia di cui è fatto Il racconto dei racconti, in Basile prima ancora che in Garrone, è supremamente incandescente e richiede atti "di coraggio e sacrificio" per essere narrata come una fiaba accessibile, che non si può possedere solo per sé. Torna "La storia nelle storie" il cineforum di ArDP pensato per dare visibilità alle storie delle donne e alla prospettiva delle donne nella e sulla storia. - MYmonetro 3,50 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari. Il regista di "Gomorra" e "Reality", per chi non lo avesse capito, è in realtà uno dei nostri autori più visionari e, alla lettera, barocchi. Gangster, lottatori, atleti, serial killer, celebrità e molto altro: questi sono i migliori film basati su una storia vera. Di storie italianissime, ... L'incredibile storia dell'Isola delle Rose, un film audace come la storia che racconta. Consigli per la visione +13. Si narravano nelle [...] La recensione del docu-film di Ian Bonhôte e Peter Ettedgui Rising Phoenix - La storia delle Paralimpiadi. Ma c'è chi vive la propria assaporando ogni momento da vincente: questo è ciò che ci racconta Rising Phoenix: la Storia delle Paralimpiadi, docufilm disponibile su Netflix dal 26 agosto.. Il 2020 sarebbe dovuto essere l'anno delle Olimpiadi, che per ovvi motivi sono state posticipate. Perché si raccontavano? Tre sono le storie, tre sono i regni. Le storie sono raccontate nel libro intitolato Beware the Night, in cui Sarchie ha descritto la sua esperienza nell’indagare su alcuni casi (compresi quelli misteriosi). [...], Il photocall del film Il racconto dei racconti - Tale of Tales (da oggi anche nelle sale italiane), presentato oggi in concorso alla 68a edizione del Festival di Cannes. Un caleidoscopio di immagini potenti ed evocative, nonché una riflessione profondissima sulla natura dell'amore. Regia di Matteo Garrone. Anni dopo il figlio (C. Lees) della regina, fa amicizia con il suo gemello, nato da un’altra donna coinvolta nell’incantesimo dello stregone. Usa la fiaba e i suoi simboli, usa soprattutto le vicissitudini del corpo, della sua decadenza fisica e del corrispettivo desiderio di una corsa all’indietro nel tempo e verso la bellezza perduta. Mentre s'annuncia un cinepanettone 2015 dal titolo Natale a Gomorra. Sostiene Garrone che per lui anche Gomorra è un fantasy. Lo stesso i cinque protagonisti del film hanno molto da dire sul lavoro fatto con il cineasta italiano su un set strano per loro, stranieri abituati a grandi film in costume ma non girati nel nostro stile, e strano per la troupe italiana, abituata a lavorazione molto meno ambiziose. “Il racconto dei racconti” è una opera complessa, che intreccia tre storie diverse scelte da un prolifico scrittore di fiabe del seicento napoletano (Giambattista Basile). Come sottolineato anche in altre recensioni, alcune tematiche sono molto attuali (e qui bisogna riconoscere [...] 2 di 2. Cinema che, prima ancora che narrazione, è gioia per gli occhi e meraviglioso spettacolo. Vai alla recensione ». Isola delle Rose, storia dell'isola-nazione davanti a Rimini. Messo in immagini dalla fotografia ad ampio respiro di Peter Suschitzky, il nostro Paese si dimostra ancora una volta una miniera di luoghi e [...] Nicole Kidman con Charlize Theron e Margot Robbie contro le molestie: "Servono posti di lavoro sicuri", Ben Affleck in 'Tornare a vincere', l'inferno di un ex alcolista che rinasce con il basket, "Morto Wim Wenders": la fake news del finto Peter Handke, In 'The Undoing' c'è Matilda De Angelis, giovane stella italiana. Regalare al mondo un’opera prima e totalmente nuova, con cast internazionale d’eccezione (allo stesso modo di Sorrentino e Moretti, anche loro in corsa per la Palma d’Oro). I personaggi, molto diversi tra loro, sono infatti alle prese con limiti che da sempre appartengono agli uomini, limiti che l'uomo cerca puntualmente di superare. Acquista Il film e la sua storia (per una bibliografia delle storie del cinema) - Davide Turconi, Camillo Bassotto, a cura di - CAPPELLI ROCCA SAN CASCIANO Il ragazzo prometteva bene, ma poi si è perso, sviato forse, e un po' viziato e sopravvalutato dai famigerati credit tax di cui l'ultimo film fa vanto nei credits. Tre storie legate insieme dal tema dell'amore possessivo e del desiderio di giovinezza, declinate in vari aspetti e ambiti. La brama con cui la regina vuole per sé (e solo per sé) un figlio annulla il sacrificio del marito e soffoca il desiderio di essere amato (per sé) del nuovo nato, che una volta cresciuto incontra il suo "gemello" più povero ma infinitamente più libero. Vai alla recensione », Una regina affranta dalla sterilità fa di tutto per avere un figlio; questi non ricambierà la morbosità di tale affetto. Con Derek Jacobi, Sophie Nélisse, Gemma Arterton, Elliott Gould, Mark Rendall. Un re deve dare la figlia in sposa a un orco perché è l'unico che riesce a superare la prova creata per ottenere la mano della principessa. Trieste Film Festival, nascono due nuove sezioni per l’edizione al via il 21 gennaio, MIFF Awards 2020, su MYmovies arriva Vivi, Cavallo di Leonardo per Miglior Attore, Festival Nuovo Cinema Europa, altri due giorni di proiezioni gratuite, Stasera in TV: I film da non perdere di lunedì 4 gennaio 2021, Le terrificanti avventure di Sabrina - Parte 4, la definitiva emancipazione della sorellanza, Stasera in TV: i film da non perdere di domenica 3 gennaio 2021, Sanpa: la docu-serie restituisce la complessità di una storia d'umanità e violenza, Capri, Hollywood su MYmovies, i film di sabato 2 gennaio, Stasera in TV: i film da non perdere di sabato 2 gennaio 2021. Il primo riguarda un tema attualissimo, un figlio a tutti i costi; ed i costi possono essere molto alti. Un film che vanta un’ottima fotografia, grandiosi costumi, location e scenografie. Vai alla recensione », Fantastico. Un re mette in palio la mano della figlia in un curioso agone, non prevedendo che a vincerlo [...] "Che paura lavorare con quei giganti", 'The Undoing', l'enigma di Nicole Kidman: "Proteggo me stessa e i miei segreti", 'Mandalorian', svelata la serie più piratata del 2020. Quella di Garrone è un’operazione originale e tutta particolare, che gareggia, in un certo senso, con quella del favolista seicentesco Giambattista Basile da cui trae ispirazione. - Italia, Francia, Gran Bretagna, Credo che chi ha messo una stella si fosse creato semplicemente aspettative sbagliate, ma se la debba prendere più con se stesso che col film. Riguarda anche l’egoismo assoluto di una donna ed il suo rovescio speculare: la generosità [...] prodotti e servizi che si possono acquistare online o tramite la Il film di Garrone è diviso in capitoli, ognuno annunciato dalla ripresa del castello. Il film di Garrone riunisce in sé in maniera straordinaria tutto e il contrario di tutto, dando vita ad un pastiche fiabesco che immerge lo spettatore nei meandri di un mondo fantastico dominato dalla fallibilità e dalle miserie umane, unica realtà davvero senza tempo. L’incredibile storia dell’Isola della Rose, quarto lungometraggio di Sidney Sibilia dopo la trilogia di Smetto quando voglio e prodotto dalla Groenlandia, racconta questo folle progetto. Vai alla recensione », E' un bel momento di cinema, due ore in cui, sedendosi sulla poltrona, ci si ritrova a volare in quello straordinario mondo che è l'immaginario dei nostri avi lontani, fatto di storie potenti, di lezioni utili alla vita, di formidabili esempi, di divertimento, di materia da raccontare in continuazione, di generazione in generzione, per meravigliare e nutrire la nostra, per fortura [...] 1) la regina di Selvascura (Hayek) non può avere figli ma, su consiglio di uno stregone, resta incinta mangiando il cuore di un drago, che suo marito (Reilly) è morto per uccidere. Il film basato sul capolavoro di Basile non ha nulla della genialità della raccolta di racconti da cui è tratto. La scelta di Garrone non so se evitabile o meno è stato di inserire tre novelle e non una sola molto approfondita; quando si sceglie la logica degli episodi sia sequenziali [...] Come prima cosa, un regista italiano che si spinge in un campo così delicato, secondo me, va premiato a prescindere... detto questo, il film è assolutamente riuscito. [...] La struttura circolare della narrazione è, a tutti gli effetti, olistica (anche perché guidata da figure femminili), il che è particolarmente sorprendente perché i tre episodi sono stati girati separatamente, e non c'è stato tempo, né denaro, per effettuare il consueto lavoro di rifinitura cui Garrone è abituato. Truculento e commovente. Una fiaba in tre parti unite tra loro intimamente dalla comune passione per i sentimenti. È interpretato, tra gli altri, da Noah Hathaway, Barret Oliver e Tami Stronach alla sua prima apparizione cinematografica. Davanti ai fotografi i protagonisti Vincent Cassel e Salma Hayek, accompagnati dal [...], Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. “Non avete ancora visto niente”. Vertice Rai rinnovato nel 2021 con le vecchie norme. Da vedere 2015 Cosa vedere su Netflix durante queste fredde giornate che si avvicinano all'inverno? [...]. Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini, Pochi italiani sanno che alcune delle più belle fiabe del mondo, da "Cenerentola" al "Gatto con gli stivali", un po' prima di finire dentro i libri di Perrault e di Grimm, dove tutti lo scoprimmo da bambini, erano giunte all'orecchio del napoletano Basile [...], È entrato nel vivo il Festival di Cannes, con il primo film italiano presentato in concorso, Il racconto dei racconti di Matteo Garrone e l'atteso Mad Max: Fury Road, reboot di George Miller presentato con successo fuori concorso, tra urla e ovazioni. A fine visione quel film sembra lontanissimo). L'amore per se stessi e per i figli, il rimpianto della giovinezza [...] Vai alla recensione », Essendo forma contratta del mio nome, Ippolita, Ip Ip Urrà è il mio gioioso applauso ad un film che ho visto in braccio a mia nonna, per sere e sere, nel Cunto de li cunti di Basile, trasposizione favolistica di tradizione orale più immaginario personale e che ora scorre sullo schermo. Interpretato da SALMA HAYEK, VINCENT CASSEL, TOBY JONES, JOHN C. REILLY, SHIRLEY HENDERSON, HAYLEY CARMICHAEL, BEBE CAVE, STACY MARTIN, CHRISTIAN LEES, JONAH LEES, GUILLAUME DELAUNAY, ALBA ROHRWACHER, MASSIMO CECCHERINI Ma la tessitura dell'arazzo era già insita nella scrittura (degli sceneggiatori Edoardo Albinati, Ugo Chiti e Massimo Gaudioso, oltre allo stesso Garrone, ma ancora prima di Basile) e nell'immaginario cinematografico e pittorico del regista, che ripropone temi a lui cari - la trasformazione del corpo, la passione accecante, l'inganno - attraverso la codifica narrativa archetipale della fiaba e la crittografia visiva del genere fantasy, usato ad altezza autoriale senza dimenticare il pop delle sue origini e dei suoi intenti. E un cast di star, FORTE dei riconoscimenti conquistati dal suo cinema - due volte Grand Prix a Cannes con. La storia dell'amore (The History of Love) - Un film di Radu Mihaileanu. Soldi all'Eliseo: Il Consiglio di Stato dà ragione ai ... Quando l’Italia si scoprì giovane: al TFF ‘Bulli e ... Diego Bianchi a La7 con tutta 'Gazebo', sul mercato qualcosa ... Love, tutti i modi in cui Beatles hanno raccontato l ... Christian De Sica, 70 anni di un allegro e talentuoso "figlio di papà", Hayao Miyazaki, 80 anni di sogni e magia animata, 'Grease', attacco social: "Sessista e misogino". Cast completo Antico ed assolutamente moderno. Inviterei chi va a vedere questo bel film a non sforzarsi di attribuirgli a tutti i costi frettolose etichette di genere. Sul genere non ci piove. senza alcuna variazione del prezzo finale. Iscriviti e, SALMA HAYEK: "LE FAVOLE SONO LE NOSTRE SPERANZE", FESTIVAL DI CANNES 2015, ARRIVA WOODY ALLEN, IL RACCONTO DEI RACCONTI - TALE OF TALES, IL PHOTOCALL A CANNES, Salma Hayek: "le favole sono le nostre speranze", Nastri d'Argento 2015, Garrone, Munzi e Sorrentino si dividono i premi, Il racconto dei racconti - Tale of Tales, il photocall a Cannes, Undine, la video recensione del film di Christian Petzold, Un affare di famiglia, la video recensione, The Story of Movies - Episodio IX: Calcio e campioni, The Story of Movies - Episodio 8: Il thriller italiano, The Story of Movies VII: Jung Woo-Sung, 100 anni di cinema coreano, The Story of Movies - Episodio 6: Enzo D'Alò, il cinema d'animazione, The Story of Movies - Episodio 5: Il comico italiano, The Story of Movies - Episodio 4: Italian families, La vita straordinaria di David Copperfield, Trash - La leggenda della piramide magica, Palm Springs - Vivi come se non ci fosse un domani, Hotel Transylvania 3 - Una vacanza mostruosa, Lettera del regista Samuele Rossi, l'augurio di un ritorno alle sale cinematografiche, Stasera in TV: i film da non perdere di martedì 5 gennaio 2021, 32. New York, 21° secolo. e Blu-Ray La regina di Selvaoscura ( interpretata da una fantastica Salma Hayek) [...] Da piccolo avevo amato il Pinocchio di Comencini, poi il genere era stato abbandonato (Fantaghirò...sigh) come se solo gli americani con effetti speciali faraonici potessero trattare il fantasy...ma ci rendiamo conto di quanta letteratura fantastica [...] Ecco i film basati su storie … | Fantasy, +13 su IBS.it. Occorre premettere che in Basile è fondamentale il linguaggio, piuttosto rinnovato rispetto alla tradizione rinascimen [...] Vai alla recensione », Se la favola è per antonomasia il luogo degli archetipi a cui facciamo riferimento per il racconto, possiamo affermare che l'operazione di Garrone sia riuscita. Un film Parto col dire che secondo me il film meritava 4 stelle, non 5, secondo me, ma ne metto 5 perché trovo ingiustificato il modo in cui viene votato e commentato qui sopra. Esercizio di stile di altissimo livello, certo, ma fine a sé stesso e, alla fine, lungo e noioso. L’incredibile storia dell’isola delle rose è il nuovo film con Elio Germano, ecco di cosa parla e perché vederlo. Vai alla recensione », Garrone divora. La vera storia: il film è basato su eventi realmente accaduti al sergente Ralph Sarchie che ha lavorato nel 46° distretto del Bronx. “Non volevo fare un film sul ‘68. Vai alla recensione », Tre piccoli regni nella Puglia del ‘600 vedono svolgersi altrettante storie drammatiche. Vai alla recensione », Tratto da Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile, originariamente in lingua napoletana, Matteo Garrone crea un film che definire"inutile"ci appare come un ottimistico eufemismo. Uscita cinema giovedì 14 maggio 2015 Due anziane sorelle fanno leva su un equivoco per attirare le attenzioni di un re erotomane sempre affamato di carne fresca. Anche questo film è inaspettato, nella misura in cui ti aspetti (o speri) di vedere altro. La pellicola di Garrone è una festa per gli occhi e per la mente. Di Garrone vorremmo ricordare uno dei primi lungometraggi. Una magia senza fine. Che è una fiaba, anzi il ritorno alla madre di tutte le fiabe europee, il secentesco "Cunto de li cunti" di Basile, un film che va in fondo alle ossessioni del regista. Detto questo devo purtroppo dare un giudizio fortemente negativo su Il Racconto dei racconti. Un'operazione ambiziosa, dal respiro internazionale che, però, finisce per ritorcersi in se stessa, consegnandoci un film visivamente impressionante, [...] Vanityfair- 10-12-2020. Il papà non c’è più, la mamma lavora troppo, e a scuola sono solo problemi. Il racconto dei racconti - Tale of Tales - Un film di Matteo Garrone. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Dalla cultura alla scienza alla politica, così il cinema racconta la Storia fatta di donne. e in DVD Dettagli Attinge a piene mani dalla tradizione fiabesca antica di Basile e ne propone una traduzione sfolgorante,fatta di paesaggi solenni e inquietanti, re e corti che convivono con la miseria della plebe, castelli merlati che svettano su pendii immemori del corso del tempo e un insieme di creature mitologiche -draghi, orchi, streghe, pulci [...] Fastoso, lussureggiante di costumi e castelli, cupo di mostri e di sangue ; teatrale di una teatralità barocca, dove l’estetica del bello si confronta con l’estetica del brutto, dove la tragedia sfuma in meraviglia, ma una [...] Vai alla recensione ». Che fosse d'amore o di potere, vera o surreale, con o senza lieto fine... Bastava che quel racconto ci rimanesse addosso, nella mente o nel cuore, celando (forse) tutto il resto, per poche, lunghe ore.  Dopo tanti giovani cineasti dediti alla circumnavigazione del proprio ombelico, finalmente un regista italiano capace di fare del cinema. Dal 26 agosto su Netflix. Genere Fantasy, Garrone attinge a Fellini (La strada, Casanova) come al grottesco cortigiano dei dipinti di Goya, a M. Night Syamalan The Village, Lady in the Water) come al Mario Bava de La maschera del demonio, allo strazio romantico del Pinocchio di Comencini come alla comicità "medievale" de L'armata Brancaleone. Vai alla recensione », Si è ormai abituati a considerare il cartone animato come il linguaggio cinematografico più consono alla narrazione delle fiabe. Fantasy, … Durata 134 min. Volgare e poetico. Comprese due signorine in topless che si baciano e si titillano appassionatamente all'interno di una traballante carrozza.Un prodigioso viaggio nella fantasia, da lasciare spesso a bocca aperta per l'indiscutibile gusto figurativo [...] Vai alla recensione ». Premetto che non sono un critico cinematografico, nè ho la presunzione di giudicare un opera d'arte come questa... mi rimetto a scrivere quello che penso e quello che mi è arrivato vedendo questo film... Coraggioso ! Ne ‘Lo cunto de li cunti’ Basile, che vive un’epoca di cambiamento e [...] Attori molto bravi e convincenti nei loro ruoli (anche se avrei preferito un cast italiano) ma non abbastanza da renderlo godibile. Vai alla recensione ». . Vai alla recensione », "Lo cunto de li cunti", la storica raccolta di fiabe e racconti della tradizione medeviale italiana, composta dal partenopeo Giambattista Basile, prende vita nel 2015 nell'adattamento cinematografico di Matteo Garrone (Gomorra, Reality), in un operazione che costituisce un unicum nella storia del cinema italiano. E chi considerava Matteo Garrone un "neorealista" uscirà sorpreso dal suo ultimo film. Film piatto, inespressivo come i personaggi, che non sono minimamente sviluppati, e così neanche le (poche) scene che sarebbero potute risultare vagamente avvincenti. Ognuna delle vicende singolarmente narrate contiene qualcosa di ognuna delle altre: un doppio, un riflesso, una citazione, uno scambio di sguardi. Tre favole... La storia delle donne nella Resistenza italiana rappresenta una componente fondamentale per il movimento partigiano nella lotta contro il nazifascismo.Esse lottarono per riconquistare la libertà e la giustizia del proprio paese ricoprendo funzioni di primaria importanza. Vai alla recensione », Un film “barocco”, termine inteso nella sua accezione etimologica: una perla deforme, preziosa perché unica, attraente perché bizzarra. Visti i bassissimi canoni a cui il cinema italiano ambiva in questi ultimi anni, con veramente pochissimi acuti (da poter contare sulle dite di una mano tanto per intenderci), questo nuovo film di Matteo Garrone  non può che essere accolto a braccia aperte e con la speranza che i vecchi fasti possano finalmente tornare (anche se è ancora presto per dirlo). Dal 9 Dicembre su Netflix. Suddiviso in tre episodi indipendenti che s’intersecano a piccoli frammenti, tutti [...] Nella pellicola si narrano tre racconti intrecciati tra di loro, uniti da una fragile cornice narrativa utile solo a fungere da raccordo. Vai alla recensione », Girato da un famoso e ambizioso regista Italiano su un genere veramente innovativo per il nostro panorama cinematografico. . Quest’anno Garrone si è cimentato in un’impresa mastodontica e rischiosa. Vengono scelte, tra le tante, tre storie che, in un meccanismo narrativo [...] Vai alla recensione », Premetto che sono un amante del genere e giudico questa tentativo italiano molto ben riuscito, sembra proprio che anche noi ce la possiamo fare! piùCompagnia - All I watch for Christmas. 11. Uno dei film più asciutti e secchi di sempre che racconta eventi nei quali nessun altro aveva visto una storia, cioè gli esperimenti di volo che hanno preceduto i viaggi nello spazio. Occasioni come «Cinema ritrovato» dimostrano che la storia del cinema italiano è tutta da riscrivere, appesantita com’è da pregiudizi estetici e ideologici che premiano l’Arte, l’Impegno, il Realismo e la Letteratura, e snobbano i prodotti della cultura popolare, come i film con forzuti, amazzoni e principesse veneziane erculee, come Astrea. Vai alla recensione », Complimenti a Garrone per aver approcciato un genere, il fiabesco, certamente non nelle corde e nella prassi dei nostri autori. Anche l'uso delle musiche è Garrone, pur nella sua radicale differenza con, ad esempio, Gomorra, in cui sonoro era ambientale: perché anche se ne Il racconto dei racconti l'accompagnamento musicale (di Alexandre Desplat) è quasi incessante, nei momenti più importanti (e più crudeli) si arrende al silenzio assoluto, all'isolamento (anche acustico) totale dell'abbandono. Garrone, cavallo vincente del cinema italiano, (gran)premiato con bis a Cannes, e di diritto coccolato dal Festivàl, come è solito fare con tutti i suoi pupilli. Attenzione. Una coppia di regnanti che non riesce ad avere un figlio, una principessa che cerca di convincere il padre annoiato a farle scoprire il mondo e un Re che tra festini e orge è alla ricerca della sua regina. Ti abbiamo appena inviato una email. Film 2015 Nell'immaginario visivo de Il racconto de i racconti c'è anche il Garrone precedente: il respiro ansimante delle creature selvagge, siano esse uomini o la loro trasformazione animale; i labirinti della mente; il tentativo di addomesticare l'altrui libertà; la solitudine come destino inevitabile; l'arroganza dei tanti "re" che "non ascoltano nessuno". Vai alla recensione », Tre storie, riguardanti tre monarchi di regni vicini. Questo film è un intreccio di fiabe per adulti, storie ambigue e a volte crudeli che poco hanno da spertire con le fiabe tradizionali. Un re erotomane s'invaghisce della voce di una donna, udita da lontano; non immagina che l'oggetto del suo amore è una vecchia decrepita. Il risultato è un film spettacolare a livello visivo - complici i paesaggi italiani da cartolina - ma freddo [...] Consigli.it sceglie e raccomanda in maniera indipendente “Ho letto questa storia per caso, su Wikipedia, mentre stavo lavorando a Smetto quando voglio 2”. Se vuoi saperne di più, Recensione di Vai alla recensione », Premetto che amo il cinema di Garrone che seguo fin da L'Imbalsamatore. La storia infinita (The NeverEnding Story) è un film del 1984 diretto da Wolfgang Petersen.. Il soggetto è tratto dall'omonimo romanzo di Michael Ende, rispetto al quale vi sono comunque numerose differenze. La lascivia insaziabile del re erotomane, archetipo predongiovannesco, è una sfida inesauribile alla morte e alla decadenza del corpo, così ben incarnata (perché di carne, pelle e sangue sempre si parla ne Il racconto dei racconti) dalle due anziane sorelle impegnate in una corsa a ritroso nel tempo che finirà per dividerle, "separando ciò che è inseparabile": come l'unione fra i due "gemelli" dell'episodio precedente, come il legame fra un padre immeritevole e una figlia degna di ereditare un regno nell'episodio successivo. Vai alla recensione ». FORTE dei riconoscimenti conquistati dal suo cinema - due volte Grand Prix a Cannes con Gomorra e Reality - Matteo Garrone firma Il racconto dei racconti, un film coraggioso ambientato in … Vai alla recensione ». Salma Hayek, Toby Jones, John C. Reilly e Vincent Cassel hanno accompagnato Il racconto dei racconti - Tale of Tales per la prima proiezione nel concorso del Festival di Cannes e proprio in sala assieme al resto degli spettatori lo vedranno per la prima volta. Matteo Garrone attinge a piene mani, e con grande libertà creativa, a tre racconti de "Lo cunto de li cunti", la raccolta di fiabe più antica d'Europa, scritta fra il 1500 e il 1600 in lingua napoletana da Giambattista Basile. Una fiaba, composta da tre racconti, che narra i sentimenti umani più profondi, universali ed acronici, ed i conflitti che possono generare. distribuito da 01 Distribution. Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso Vai alla recensione », Garrone lascia il realismo di Gomorra e di reality con facce di strada ed approda al cinema fantastico. Il ‘68 è una coincidenza”, dice Sydney Sibilia. In concorso a Cannes insieme a "The youth" di Sorrentino e "Mia madre" di Moretti, è una fiaba horror che racconta tre storie contemporaneamente: quella della regina impersonata da Salma Hayek e del suo erede, figlio di un drago marino, profondamente legato al suo gemello; quella di due vecchie sorelle che vivono nascoste per celare agli occhi del mondo la loro bruttezza, e quella di una principessa [...] Matteo Garrone ne "Il racconto dei racconti" narra non una ma tre storie tutte d'un fiato, riempiendole [...] Le metafore della società contemporanea, ci sono tutte:l l'edonismo erotico, l'estranea indifferenza dei padri che preferiscono mostri alle figlie devote, la narcisistica pretesa materna che scavalca il sacrificio [...] Vai alla recensione », L’abbacinante forza visiva colpisce e trafigge lo spettatore nella sala buia per la ricchezza delle immagini e contemporaneamente per il loro rigore, questo vale già allo splendore del film ed al costo del biglietto anzi lo supera di gran lunga soprattutto il mercoledì che poi il mercoledì il cinema ha i prezzi ridotti ed invito tutti ad andarci, sei Euro è il costo di uno Spritz e se ne esce sicurament [...] Cinema vero, non documentario televisivo o teatro filmato. Il risultato è un caleidoscopio di immagini potenti ed evocative, ma anche un carnevale di umani sentimenti, pulsioni e crudeltà, nonché una riflessione profondissima sulla natura dell'amore, che può (dovrebbe) essere dono e che invece, per quelle fiere che sono (ancora) gli esseri umani, è spesso soprattutto cupidigia. Una favola dark con i re, le regine, gli orchi e le magie. Vi proponiamo una lista di film tratti da storie vere. durata 125 minuti. Leo, un vecchio immigrato polacco ebreo, vive nel ricordo del grande amore della sua vita. Divenuta madre in seguito a una gravidanza magica, una regina è turbata dal rapporto del suo unico figlio col figlio di una serva, suo sosia. Vai alla recensione ». Apri il messaggio e fai click sul link per convalidare il tuo voto. Io mi ero creato le aspettative giuste evidentemente, un po' perché [...] Una fiaba composta da tre storie che sono raccontate in parallelo con una ottima regia di Matteo [...] Ogni tanto qualche italiano riesce a produrre un'opera intelligente, interessante, inaspettata.