La corrosione dei cavi primari ha avuto luogo in zone di cavità e mancata iniezione, formatesi nella costruzione del ponte». Ha bisogno di interventi! Genova, la perizia sul Ponte Morandi: «Crollo causato dalla corrosione di un tirante. Lo scrivono i periti del gip Angela Nutini nella relazione sulle cause del disastro avvenuto il 14 agosto 2013 causando la … Ponte Morandi, corrosione e controlli inadeguati le cause del crollo 22 dicembre 2020. Ecco il calendario dei divieti di circolazione per i mezzi pesanti del 2021, Legge di Bilancio 2021 approvata definitivamente: testo e novità per edilizia, professionisti, lavoro, bonus, Sessa, Margiotta, Cappochin: le Linee guida sulla qualità dell’architettura ecco i pareri, Linee guida per la gestione del rischio dei ponti esistenti: decreto operativo sul sito del MIT, Terremoto, registrata una scossa di magnitudo 4.4 in provincia di Verona, Smart Mobility: Aspi e Politecnico di Milano insieme per realizzare le nuove autostrade digitali, Digital Twin, iModel e visualizzazione 4D alla base del Progetto del Ponte San Giorgio di Genova | Webinar, Recovery Fund: Architetti, “occasione per cambiare le vecchie regole sulle città e sul governo del territorio", Tour ITALIA ANTISISMICA: la grande opportunità degli incentivi per la riduzione del rischio sismico in Puglia, Cersaie: Tornano gli appuntamenti di Costruire Abitare Pensare, Verso un Manifesto Programmatico condiviso per un rinnovato impegno civile della figura dell’Architetto, Recovery Plan per le aree del Cratere del Centro Italia. «Il progettista aveva posto attenzione al rischio di corrosione dei cavi. Privacy Policy, Sito realizzato da Global Sistemi Credits, IMREADY Srl, Strada Cardio, n.4, 47891 Galazzano, RSM, Tel. Alla corrosione si sarebbe aggiunta la negligenza: «i controlli e le manutenzioni che, se fossero stati eseguiti correttamente, con elevata probabilità avrebbero impedito il verificarsi dell'evento». Modello Genova: un'opportunità o un pericolo ? Tali raccomandazioni erano particolarmente importanti e rilevanti tenuto conto della straordinarietà dell'opera. LEGGI ANCHE. Maurizio Savoncelli: questo Paese è fragile, troppo fragile. Occhiuzzi), > Anno di costruzione: 1963-1967 (inaugurato nel 1967)> Campata maggiore: 210 m> Lunghezza: 1182 m> Tecnologia costruttiva: calcestruzzo armato precompresso> Forma delle pile: cavalletto rovesciato bilanciato> Altezza delle pile: 90 m> Stralli: Trefoli in acciaio rivestiti di calcestruzzo, Riccardo Morandi (Roma, 1º settembre 1902 – Roma, 25 dicembre 1989) è stato un ingegnere italiano. Secondo i periti nominati dal GIP gli unici interventi efficaci risalgono a 25 anni fa. Dopo il 1951 egli realizzò tutta una serie di ponti ad arco e a travatura: il ponte delia Vella, presso Sulmona di 22 metri e con cavalletti obliqui; il viadotto della Fiumarella (Catanzaro), lungo 467 m; il ponte di Maracaibo in Venezuela lungo otto chilometri e settecento metri; il viadotto sul Polcevera a Genova (quello crollato). La soluzione del ripristino rappresenterebbe quindi una soluzione più rapida e sostenibile, i materiali ci sono. INGENIO-WEB.IT è una testata periodica di IMREADY Srl registrata presso la Segreteria di Stato per gli Affari Interni di San Marino con protocollo n. 638/75/2012 del 27/4/2012. No alla sua demolizione. 14 capitoli e 476 pagine per raccontare punto per punto quanto successo al Ponte Morandi.. Si tratta di aspetti che riguardano il periodo precedente al crollo, ma anche quello durante e dopo il cedimento del viadotto. Per comprendere meglio gli aspetti tecnici del crollo abbiamo ritenuto utile proporvi alcuni articoli tecnici dello stesso Morandi sia sulla progettazione del Ponte di Genova sia più genericamente sulla progettazione dei Ponti Strallati e sulle opere in cemento armato e cemento armato precompresso. Ponte Morandi, per non dimenticare: il video della Polizia sul crollo e la ricostruzione E ancora: "Il progettista aveva posto attenzione al rischio di corrosione dei cavi. Due le particolarità strutturali di questo ponte: gli stralli, che a differenza di quanto avviene per i ponti in acciaio non formano un ventaglio o un’arpa, sono solo una coppia per lato e sono realizzati in calcestruzzo armato precompresso; le modalità di realizzazione dell’impalcato (la parte che sostiene direttamente il piano viabile) in calcestruzzo armato precompresso, secondo un brevetto ideato dallo stesso Morandi. I risultati della perizia parlano di un forte degrado e corrosione dei fili dei trefoli che in taluni casi presentavano una riduzione dal 50-100%, praticamente scomparsi. Per far luce sulle cause che hanno portato alla tragedia che ha colpito la città di Genova, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha da subito costituito una Commissione Ispettiva. GENOVA - La causa scatenante del crollo del ponte Morandi "è il fenomeno di corrosione a cui è stata soggetta la parte superiore del tirante Sud-lato Genova della pila 9". La procura accusa: «Fu un... Autostrade, «sicurezza ignorata in nome del profitto».... Autostrade, le intercettazioni che incastrano gli ex manager.... Genova, il premier Conte alla posa dell'ultima campata del ponte... Ponte di Genova, arrestati manager ed ex vertici di Autostrade, Vaccino Covid, le immagini delle prime dosi arrivate a Genova, Covid, positivo per 250 giorni: morto a Genova. A questo, si aggiungono, secondo i tecnici, anche difetti esecutivi rispetto al progetto originario. Alle 11.36 del 14 agosto 2018 sotto una pioggia incessante, un boato assordante ha squarciato la città di Genova cancellando per sempre dalle cartine autostradali un tratto importantissimo della viabilità della città ligure e un pezzo della storia dell’ingegneria italiana: un tratto del viadotto sul Polcevera, un tratto del famosissimo Ponte Morandi, crollava portando con se 43 vittime. Per i pm Massimo Terrile e Walter Cotugno, coordinati dall'aggiunto Paolo D'ovidio, il collasso del ponte è da imputare a negligenze di Autostrade la società concessionaria mentre, sin da principio, le difese hanno puntato sui difetti strutturali nell'esecuzione dell'opera. Lo scrivono i periti del gip nella relazione sulle cause del crollo del ponte. Direttore Responsabile: Andrea Dari. La corrosione, i controlli e la manutenzione non adeguati sarebbero stati la causa del crollo del Ponte Morandi di Genova. Controlli inadeguati e la corrosione del tirante della pila 9. E' quanto si legge nella relazione dei periti incaricati dal Gip sul crollo del ponte a Genova il 14 agosto del 2018. Il 14 agosto 2018 la sezione del ponte che sovrasta la zona fluviale e industriale di Sampierdarena, lunga circa 250 metri, è crollata insieme al pilone occidentale di sostegno (pila 9) provocando 43 vittime fra gli automobilisti che transitavano e tra gli operai presenti nella sottostante area. Ponte di Genova: occhi, mani e volti di chi ha lavorato senza fermarsi mai. I tecnici incaricati dal giudice Angela Nutini hanno consegnato la relazione di circa 500 pagine nell'ambito del secondo incidente probatorio durante il quale saranno stabilite le cause e le responsabilità del crollo. Alle 11.36 del 14 agosto 2018 sotto una pioggia incessante, un boato assordante ha squarciato la città di Genova cancellando per sempre dalle cartine autostradali un tratto importantissimo della viabilità della città ligure e un pezzo della storia dell’ingegneria italiana: un tratto del viadotto sul Polcevera, un tratto del famosissimo Ponte Morandi, crollava portando con se 43 vittime. Ipotesi stop spostamenti fra regioni sino al 15, Trump, la telefonata al segretario della Georgia: «Triturate 300 libbre di schede». Le pile in questione sono quelle più vicine alle case sul versante Est del fiume. Il compito invece di una testata tecnica come quella di INGENIO è poter far comprendere ai tecnici e a chiunque voglia approfondire, cosa ci sia dietro ai mille commenti di “improvvisati ingegneri” e lo abbiamo fatto mettendo a disposizione dei nostri lettori una serie di contributi che vi elenchiamo sotto. Dopo circa 40 giorni la Commissione Ispettiva del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha ultimato il suo lavoro e presentato la relazione sul crollo del Ponte Morandi di Genova. Ponte Morandi, controlli inadeguati e corrosione le cause del crollo che il … Impressionante la somiglianza con il filmato rilasciato il 1 di luglio 2019. Il più importante Portale di Informazione Tecnico Progettuale al servizio degli Architetti, Geometri, Geologi, Ingegneri, Periti, professione tecnica, Albo Professionale, Tariffe Professionali, Norme Tecniche, Inarcassa, Progetto Strutturale, Miglioramento Sismico, Progetto Architettonico, Urbanistica, Efficienza Energetica, Energie rinnovabili, Recupero, Riuso, Ristrutturazioni, Edilizia Libera, Codice Appalti, Progetto Impianti termotecnici, Modellazione Digitale e BIM, Software Tecnico, IOT, ICT, Illuminotecnica, Sicurezza del lavoro, Sicurezza Antincendio, Tecnologie Costruttive, Ingegneria Forense, CTU e Perizie, Valutazioni Immobiliari, Certificazioni. MANCANZA DI CONTROLLISi legge nella perizia: «La mancanza e/o l'inadeguatezza dei controlli e delle conseguenti azioni correttive costituiscono gli anelli deboli del sistema; se essi, laddove mancanti, fossero stati eseguiti e, laddove eseguiti, lo fossero stati correttamente, avrebbero interrotto la catena causale e l'evento non si sarebbe verificato». Dopo la prima ricostruzione fatta dal New York Times realizzata appena qualche settimana dopo l'evento disastroso di Genova, lo scorso 6 novembre 2018 è stata presentata in occasione della Istanbul Bridge Conference, una nuova versione di come potrebbe essere avvenuto il crollo del Ponte Morandi descrivendo le sequenze di collasso realizzata da EUCENTRE. Un documento lungo quasi 500 pagine, redatto nell’ambito del secondo incidente probatorio, ha confermato le cause del crollo del Ponte Morandi di Genova che, il 14 agosto del 2018, ha causato la morte di 43 persone.. Secondo la relazione dei periti del gip Angela Nutini, si tratta di corrosione della parte superiore del tirante Sud, lato Genova, della pila 9, un fenomeno di … Genova, 21 dicembre 2020 - Il crollo del ponte Morandi sarebbe stato causato da un fenomeno "di corrosione a cui è stata soggetta la parte superiore del tirante sud, lato Genova, della pila 9 … Lo si fa in modo spesso superficiale e si ipotizzano tempi del processo non congrui con la realtà delle azioni necessarie, che sono sicuramente sottostimate, anche non considerando i tempi non tecnici connessi alle azioni. Camomilla: come e perché intervenimmo sugli stralli della pila 11 del Ponte Morandi nel 1992L'intervento di manutenzione del 1992 al Ponte Morandi: intervista all’ing. Riccardo Morandi, pochi mesi dopo l'inaugurazione del ponte strallato di Genova, pubblicò un articolo su l'Industria Italiana del Cemento dal titolo "Il viadotto sul Polcevera per l'autostrada Genova Savona” e che descrive l’opera in tutti i suoi dettagli. La causa scatenante del crollo, spiegano, «è il fenomeno di corrosione a cui è stata soggetta la parte superiore del tirante Sud - lato Genova della pila 9». Un atto d'accusa pesantissimo. 14 agosto 2018: sul ponte Morandi dopo il crollo, con … Keystone / Luca Zennaro "Controlli mancanti" e "inadeguati", "nessun intervento per arrestare il degrado" e "la riparazione dei difetti", ma anche "carenze progettuali e difetti costruttivi in fase di realizzazione". Di seguito una raccolta di tutto il materiale tecnico che INGENIO ha raccolto sul ponte, sulla tecnologia usata, sui materiali e la loro durabilità ma anche sulla sicurezza delle infrastrutture, temi che terrà continuamente aggiornati. Insegnò Tecnologia dei materiali e Tecnica delle costruzioni presso l'Università degli studi di Roma. Ma i “virtuosi” in fascia bianca, Zona rossa, Speranza: «La valutiamo per il prossimo weekend». Controlli mancanti Ecco perché il ponte Morandi è crollato 22 dicembre 2020 - 08:50. Lo scrivono chiaramente i periti nominati dal gip di Genova per individuare le cause del crollo. Morì il 25 dicembre 1989.Egli rappresenta l'uomo che con maggior coraggio ha cercato di superare i limiti del materiale e delle forme strutturali. “Le cause profonde dell’evento possono individuarsi in tutte le fasi della vita del ponte, che iniziano con la concezione/progettazione dell’opera e terminano con il crollo. ​«Record per la letteratura scientifica», Covid Italia, bollettino di oggi 29 dicembre: 11.212 nuovi casi e 659 morti, ma cala il tasso di positività, Terapie intensive in crescita da tre giorni, Milano e Genova sotto la neve, la settimana comincia... bianca, Bassetti: «Ho appena fatto il vaccino e mi sento più forte», Oggi si parte: la campagna di massa solo a primavera, Dagli effetti collaterali alla somministrazione in gravidanza: tutte le risposte alle domande di queste ore, Ponte Morandi, depositata perizia che inchioda Autostrade, "Amen and A-woman", al Congresso Usa il pastore rispetta la neutralità di genere, Regno Unito, Boris Johnson annuncia terzo lockdown nazionale: «State a casa», Roma Termini, un grosso albero cade per il vento e sfonda la pensilina del bus, AstraZeneca, primo vaccinato in Gran Bretagna: «Il virus è terribile», Rifiuti nucleari, individuate 67 aree idonee in 7 regioni per la costruzione del deposito: 22 sono nel Lazio, Lite dopo l'incidente, automobilista si accascia e muore mentre l'altro conducente se ne va, Scuole chiuse in Veneto, Zaia: «Non prudente aprire». La causa scatenante del crollo, spiegano, «è il fenomeno di corrosione a cui è stata soggetta la parte superiore del tirante Sud - lato Genova della pila 9». La perizia inchioda Autostrade - IlGiornale.it Puricelli alla TEROTECNOLOGIA stradale, I ponti, monumento al progresso: la loro storia e la loro evoluzionePaolo Clemente, Le innovazioni tecnologiche e l’estetica nei ponti in Calcestruzzo Armato PrecompressoMario Paolo Petrangeli, Gli ingegneri hanno perso gran parte della loro influenza sul progetto dei ponti, ASPI: assunzione di 2.400 neo-ingegneri, accordo con il Politecnico di Milano. Attualemnte si parla solo della demolizione di ciò che resta del Ponte Morandi e della sua ricostruzione integrale. Copyright 2021 IMREADY Srl Tutti i diritti riservati. (ANSA) - GENOVA, 21 DIC - La causa scatenante del crollo del ponte Morandi "è il fenomeno di corrosione a cui è stata soggetta la parte superiore del tirante Sud- lato Genova della pila 9". (cit. La perizia depositata dagli esperti è un nuovo atto di accusa nei confronti di Autostrade. Regolamenti Inarcassa, novità 2021 per pensionati e under 35, e non solo. Camomilla All’interno due articoli tecnici sull’intervento, Dall’analisi della riparazione della Pila 11 del viadotto Polcevera all’idea del ponte moderno, Crollo del Ponte Polcevera: a rischio la parte di viadotto rimasta in piediDopo il crollo una situazione di non equilibrio: il commento di Mario De Miranda, Crollo del ponte Morandi, il Professor Cosenza via Facebook: Solo analisi rigorose ci diranno che cosa è accaduto, Il crollo del ponte Morandi e le "lezioni" che ci lasciaGiovanni Cardinale, Ponte Morandi: dal NYT una ricostruzione grafica del crollo grazie ad alcune testimonianze, Ponte Morandi: dall’elogio dell’inaugurazione all'oltraggio della demolizione. Per i tecnici i difetti strutturali avrebbero dovuto essere valutati. Tornò poi a Roma continuando lo studio o la soluzione dei problemi tecnici connessi a questo tipo di struttura (allora nuova per l'Italia), ricca di promesse e di avvenire. Cosa scriveva Riccardo Morandi nel 1979 del Ponte Polcevera in un rapporto internazionaleSi tratta del rapporto scritto da Riccardo Morandi nel 1979, dedicato a questo ponte e intitolato: "Il comportamento a lungo termine dei viadotti sottoposti al traffico pesante e situato in un ambiente aggressivo ambiente: il viadotto sul Polcevera in Genova". Nella relazione sono contenuti tutti i dettagli delle verifiche e analisi tecniche svolte sul posto. Ponte Morandi, controlli inadeguati e corrosione le cause del crollo che il … Erano 40 i quesiti ai quali i super esperti hanno risposto. © 2021 Il MESSAGGERO - C.F. In questo momento le Autorità giudiziarie stanno indagando sulle varie responsabilità, perché questo è il loro compito.